BENEFIT iscrizione entro il 15 giugno e SLIDE presentazione

I Creativi che si iscrivono entro il 15 giugno 2017 e che verranno selezionati dalla giuria, avranno: la pubblicazione dell'opera/progetto su LiQMag n. 14 con uscita a luglio 2017; la stampa HD su pannelli in FOREX cm. 150 x 100 (ø cm. 2); pannelli > ESPOSIZIONI in EVENTI open day nelle aziende partner; pannelli > ESPOSIZIONI in EVENTI satellite (collaterali) nei comuni partner; pannelli > ESPOSIZIONI nei 3 giorni del FESTIVAL; la pubblicazione delle opere/progetti selezionati su LiQMag n. 15 di settembre 2017 edizione speciale CATALOGO ISBN.

Annunci

Concorso LiQuido n. 4 “MEMORIE DAL FUTURO” [updates]

Giovedì 15 giugno 2017 scade l’iscrizione che consente ai creativi selezionati di partecipare a tutte le fasi del Concorso (pubblicazione sulla rivista di arte e cultura contemporanea LiQMag n.14 con uscita a luglio, eventi espositivi open day nelle aziende partner, eventi espositivi satellite / collaterali nei comuni partner, esposizione di 3 giorni nel Festival a settembre) con la possibilità inoltre di concorrere per i 2 premi speciali “Impresa liquida” e “Arte urbana” e di essere pubblicati sul catalogo ISBN di ottobre (numero 15 speciale LiQMag).

PUBBLICATO IL BANDO 2017

Dal territorio di Rende e Cosenza verso la Calabria / It / Eu / World e viceversa. Un evento itinerante (da maggio a settembre 2017) con incontri di presentazione + esclusivi open-day (vernissage, esposizione, workshop e altro) nelle aziende partner + eventi collegati al Concorso (arte, musica, danza e altro) nei comuni partner + 3 giorni conclusivi di Festival (expo, creative, market, talk, laboratori e altro) in una prestigiosa location ( Rende/Cosenza) all’interno di un importante evento.

Culture creative d’impresa a Km 0

Poco tempo fa un signore anziano originario di Crotone (KR) mi disse: “Qui non c’è la cultura d’impresa perché non si conosce il marketing, non vengono usati i gestionali, non vengono applicate le strategie, le cose vengono fatte approssimativamente, senza seguire regole, canoni. Le cose vengono fatte in maniera creativa, dove però creativo è usato in senso dispregiativo, quando invece nel contemporaneo la creatività è una risorsa. Bisogna prendere questo arrangiarsi in modo creativo e farlo diventare valore aggiunto. C’è un divario tra quello che esiste oggi in questo territorio che è indietro e quella che è la normalità nelle economie avanzate dove c’è una ricerca seria verso la creatività e l’innovazione che sono valori fondamentali per la buona salute dell’impresa contemporanea e del futuro. La creatività, i contenuti, la cultura d’impresa sono relazione con il territorio, con l’arte, con l’artigianato con altre imprese, sono conoscenza dell’immagine e della comunicazione per presentare l’impresa tramite i linguaggi del contemporaneo, con i social. Nelle culture che sono rimaste indietro, come quella calabrese, esiste l’arte dell’arrangiarsi perciò la creatività è percepita come minaccia. C’è una contraddizione, perché ci sono imprese che definiscono la creatività come opportunità ed altre che la percepiscono come minaccia. Anche nel nostro territorio la creatività deve diventare opportunità e punto di forza. Siamo pieni di creatività e non sappiamo come utilizzarla. È uno spreco! E come possiamo fare per utilizzarla a vantaggio del territorio, delle nostre imprese? Alla base c’è la cultura d’impresa anzi le culture creative d’impresa. Perché ogni territorio ha la propria cultura creativa da utilizzare, da rendere visibile, da promuovere e da vendere. Dobbiamo solo saperla riconoscere.” [3e14]